Comitato Nazionale

Comitato Nazionale

Il Comitato Nazionale “Roma e la nascita del Barocco” è stato istituito nel 1995, su proposta del Centro di Studi, con il compito di promuovere, preparare e attuare le manifestazioni atte a celebrare la ricorrenza del IV centenario della nascita di Pietro da Cortona (1597), Gianlorenzo Bernini (1598) e Francesco Borromini (1599).

MARCELLO FAGIOLO Presidente
BARBARA TELLINI SANTONI Segretario-Tesoriere Presidenza e Segreteria: Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma.

L’attività del Comitato conclude e insieme riapre il lungo ciclo di iniziative inaugurato nel 1980 dal Comitato Nazionale per la celebrazione del terzo centenario della morte di Bernini (presieduto da G.C. Argan; Segretario scientifico, M. Fagiolo) e proseguito con vari piani nazionali e internazionali sul Barocco.
In un secolo di crisi del papato, ridotto ai margini nel gioco delle grandi monarchie europee, il Barocco costituisce il vanto e il primato di Roma per l’eccezionale forza rivoluzionaria del suo linguaggio e per la capacità di coniugare tutte le arti nel “mirabile composto”, l’invenzione berniniana di una ri-composizione estetica nel segno della unità delle arti visive. La nuova Weltanschauung di Bernini e la rivoluzione linguistica di Borromini si diffondono non soltanto in tutta Italia ma anche – attraverso anche la mediazione del barocco piemontese – in tutta l’Europa e contagiano anche, in modo determinante il Barocco ibero-americano. Il Barocco romano diviene così, anche a livello internazionale, emblema assoluto dell’arte come meraviglia, spettacolo, invenzione continua. La preparazione degli eventi promossi dal Comitato Nazionale ha consentito non soltanto una serie memorabile di Mostre e Convegni ma anche di cataloghi, di volumi di atti, di studi scientifici, di rilevamenti, di analisi diagnostiche e di restauri che spesso hanno fornito nuovi elementi conoscitivi sulle tecniche, sulle idee e sui materiali che contribuiscono a costituire la strutturalità del Barocco romano. Si aggiunga che il Comitato ha promosso direttamente una serie di oltre quindici volumi, che – insieme a molte fondamentali monografie sul Barocco romano pubblicate in questi anni sull’onda delle celebrazioni avviate, come s’è detto, fin dal 1980 – costituiscono nel loro complesso un monumentale avanzamento degli studi sulla cultura artistica del Seicento. Oggi possiamo disporre di una rete di sette Centri di studi sul Barocco in varie regioni d’Italia e a Malta (coordinati dal Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma) i quali, insieme agli studiosi di quindici Università italiane, hanno contribuito alla realizzazione dell’Atlante del Barocco in Italia (diretto da Marcello Fagiolo, De Luca Editori d’Arte).

Le attività promosse dal Comitato Nazionale nel 1995-2005 sono riassunte nel volumetto Roma e la nascita del Barocco. Bernini, Borromini, Pietro da Cortona, Roma, Gangemi editore 2005.